Mercoledì 19 Giugno 2019 San Romualdo

Omelia dell’Arcivescovo

 

Carissimi confratelli nell’episcopato, confratelli nel sacerdozio, Diaconi, religiosi e religiose, popolo santo di Dio proveniente da diverse parti d’Italia e convenuti nella nostra città di Matera, carissimi telespettatori: Pace a voi!

  1. Pace al mondo della politica. Come si fa a parlare di pace agli altri se poi si è in guerra continua proprio in quegli ambienti che dovrebbero garantire il convivere quotidiano? Quante volte ci capita di vedere e sentire nelle diverse sedi istituzionali (nazionali, europee, del mondo intero) insulti, litigi, violenza fisica e verbale? Si sente l’urgenza e il bisogno di seminare Pace. Viviamo un tempo di particolare confusione. Con molta facilità si vende fumo per consensi personali, promuovendo nuove forme di ideologie che seminano paura, fratture, contrapposizioni, discredito con linguaggi che tendono a infangare l’altro perché visto come avversario da combattere e annientare. A scapito di chi? Riprendendo il messaggio di Papa Francesco per questa giornata: “La buona politica è al servizio della pace”, credo che siamo tutti concordi che si avverte il bisogno di un rinnovamento che metta al centro dei diversi schieramenti un umanesimo che significa rispetto, dialogo sincero e positivo…

Apri documento