Martedì 12 Novembre 2019 San Giosafat, vescovo e martire

Pellegrinaggio in Terra Santa

 

Sognare l’impossibile

2 marzo, lunedì: MATERA / BARI / ROMA / TEL AVIV/ BETLEMME
Beati i poveri in spirito, perché di essi è il regno dei cieli (Mt 5,8)

Partenza in autobus da Matera per l’aeroporto di Bari; disbrigo delle formalità d’imbarco e partenza per Tel Aviv via Roma; all’arrivo incontro con la guida e proseguimento per Betlemme. Sistemazione in albergo /casa religiosa, cena e pernottamento.

3 marzo, martedì: HEBRON* / MASADA / BETLEMME
Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia (Mt 5,7)

In mattinata si raggiungerà la località di Hebron*, a ridosso del deserto, tra le montagne di Giuda, dove in un mausoleo erodiano sono conservate le tombe dei patriarchi che rendono sacro il sito a ebrei, cristiani e musulmani. Si proseguirà per Masada, attraversando una depressione di almeno 200 metri sotto il livello del mare per visitare l’antica fortificazione che fu eretta nel II sec. a.C. e rinforzata successivamente da Erode il Grande. Dall’alto si potrà ammirare il deserto di Giuda. Quindi a Betlemme per la visita alla Basilica della Natività, alle grotte sotto la chiesa di Santa Caterina, di San Girolamo e dei Santi Innocenti.

*La visita di Hebron è sempre soggetta a riconferma in loco, in base alle condizioni socio-politiche del momento.

Un Dio che parla

4 marzo, mercoledì: VERSO LA GALILEA: QASR EL YAHUD / TABOR / NAZARETH
Beati i miti perché erediteranno la terra (Mt 5,5)

In tempo utile partenza per il Nord verso la Galilea delle genti, attraversando la depressione del fiume Giordano. Sosta a Qasr El Yahud, luogo che ricorda il Battesimo ricevuto da Gesù per mano di Giovanni Battista. Si proseguirà per il monte Tabor, la cui perfetta forma conica ha contribuito a creare la fama di monte sacro. Fu Cirillo di Gerusalemme che nel 348 lo indicò come il luogo della Trasfigurazione. Dopo la visita e il pranzo si proseguirà per Nazareth, dominata dalla massiccia basilica dell’Annunciazione, visibile da qualsiasi punto della città e costruita sull’antica planimetria della chiesa crociata. Successivamente si entrerà nella chiesa di san Giuseppe, che a partire dal XVII sec. è stata identificata come la sua bottega.

5 marzo, giovedì: IL LAGO DI GALILEA
Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia, perché saranno saziati (Mt 5,6)

Dopo la prima colazione, partenza per il Lago di Tiberiade. Sulle sponde di questo lago Gesù fu presente insegnando e compiendo miracoli. Si salirà sulla collina delle Beatitudini dove la tradizione cristiana fa memoria del “discorso della montagna”. Si scenderà a Cafarnao, centro del ministero di Gesù in Galilea, e infine si sosterà in località Tabgha, area identificata dai primi pellegrini come legata all’episodio della distribuzione dei pani e dei pesci (Mc 6,30) e del Primato di Pietro (Gv 21). In tempo utile, con il battello, si raggiungerà l’altra sponda del Lago, in località En Gev, per il pranzo. Nel pomeriggio la meta sarà il sito archeologico di Korazin, la città che fu condannata da Gesù insieme a Cafarnao per la sua mancanza di fede. In alternativa è possibile visitare il sito francescano di Magdala che sorge sui resti della più importante città sul lago del I sec. d.C.: la città viveva di pesce, di tessitura e del commercio delle colombe per i sacrifici.

Il profumo di Dio

6 marzo, venerdì: CARMELO (MUKRAKA) / GERUSALEMME e le tre pietre sante
Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio (Mt 5,8)

In mattinata, partenza per Gerusalemme, con sosta nei pressi della catena del Carmelo, dove già al tempo dei Giudici fu edificato un altare in onore del Dio d’Israele. Secondo la tradizione qui il profeta Elia avrebbe convocato i profeti di Baal e li avrebbe sfidati. Qui sorge anche un convento carmelitano. 

Arrivati a Gerusalemme, dopo il pranzo, inizio si visiterà il muro della cinta erodiana, denominato Ha Kothel, il posto più sacro della religione ebraica. Polizia permettendo si salirà sull’area superiore, sulla spianata del Monte Moria, cuore della religione ebraica dal tempo di Davide e Salomone, e ora nobile recinto sacro per l’Islam. Diversamente si ammireranno ugualmente gli esterni della moschea di Al’Aqsa e della Cupola della Roccia. La giornata terminerà con una visita approfondita alla Basilica che i greci chiamano Anastasis (ossia risurrezione) e i latini Santo Sepolcro, nomi che contengono un annuncio, una catechesi e una meditazione sull’unità del mistero pasquale. Sistemazione in albergo/casa religiosa, cena e pernottamento.

7 marzo, sabato: GERUSALEMME
Beati i perseguitati per la giustizia, perché di essi è il regno dei cieli (Mt 5,10)

Ripercorrendo a ritroso le ore della passione di Gesù lungo la via Dolorosa, si mediterà sulla notte del giovedì santo a Gerusalemme.

Come tutti i pellegrini, partendo dalla Porta dei Leoni e attraversando il quartiere arabo, si visiterà la chiesa di S. Anna e la Piscina Probatica. Altre soste lungo la “Via Crucis di Gesù” saranno: alla Chiesa della Flagellazione  con il suo Museo Francescano; alla 7° e alla 9° stazione (dove si trova il patriarcato copto); al Monastero Russo dedicato a S. Alessandro Nevski, dove si trova una soglia che, a parere di alcuni archeologi, può essere messa in relazione con l’antica porta delle Mura di Gerusalemme che Gesù ha varcato per salire al Calvario. Tempo libero.

8 marzo, domenica: GERUSALEMME: Monte Sion / Monte degli Ulivi
Beati quelli che sono nel pianto, perché saranno consolati (Mt 5,4)

Verrà riletto ancora la passione e risurrezione di Gesù, secondo l’evangelista Matteo, lungo i santuari del Monte Sion. Si partirà dal Cenacolino (francescano) e si proseguirà per il Cenacolo, la sala dell’ultima cena di Gesù, per arrivare alla Chiesa di S. Pietro in Gallicantu. A piedi (per chi vuole in bus), passando per la valle del Cedron, si raggiungerà il Monte degli Ulivi, dove si potrà visitare la Grotta dell’Arresto, la Tomba della Madonna e la Basilica del Getzemani.

Nel pomeriggio si salirà in bus al Monte degli Ulivi, in località Betfage, per ricordare l’ingresso messianico di Gesù (Mc 11,1): nei pressi di una terrazza panoramica si potrà ammirare la vista sulla città. Quindi si raggiungerà a piedi la chiesa del Pater Noster, costruita sui resti della basilica costantiniana di Elena, e il Dominus Flevit, dove sarà ricordato il pianto di Gesù davanti alla città di Gerusalemme.

9 marzo, lunedì: GERUSALEMME / TEL AVIV / BARI
Beati gli operatori di pace, perché saranno chiamati figli di Dio (Mt 5,9)

Tempo libero per visite individuali o di gruppo da concordare con la guida. In tempo utile trasferimento in aeroporto, disbrigo delle operazioni d’imbarco e partenza con volo di linea per l’Italia.

Celebrazioni

Durante il pellegrinaggio ogni giorno sarà celebrata la S. Messa nei luoghi più significativi (grotta di Betlemme, Casa di Nazareth, S. Sepolcro a Gerusalemme); Via Crucis per le strade di Gerusalemme; Rinnovo promesse battesimali nel fiume Giordano; Veglia di preghiera nel Getsemani e nel Cenacolo…

 

Quota di partecipazione da Bari, minimo 35 persone

base 2 notti a Betlemme, 2 notti a Nazareth, 3 notti a Casanova Gerusalemme. Sono comprese bevande e mance

€ 1.320,00
Supplemento singola € 320,00
Assicurazione facoltativa annullamento 6,9% della quota totale
Assicurazione facoltativa integrazione sanitaria € 37,00
Cambio dollaro/euro 1,12

 

Iscrizione € 30,00
1^ Rata € 370 entro il 30 Novembre 2019
2^ Rata € 500 entro il 20 Dicembre 2019
3^ Rata € 420 entro il 1 Febbraio 2020

La quota comprende
  • Autobus a/r Matera – Aeroporto Bari
  • Volo di linea Alitalia a/r da Bari / Roma / Tel Aviv in classe economica con franchigia bagaglio in stiva di 20 kg.
  • Tasse aeroportuali soggette ad adeguamento sino al momento del saldo 30 giorni prima della partenza.
  • Sistemazione in case religiose o alberghi equivalenti a 3 stelle locali in camera doppia con servizi.
  • Bevande (acqua e vino) e mance
  • Trattamento di pensione completa dalla cena del 1° giorno alla colazione dell’ultimo.
  • Animatore spirituale in loco per tutto il periodo.
  • Auricolari con un minimo di 20 partecipanti.
  • Visite ed escursioni come da programma con ingressi inclusi.
  • Assicurazione medico-bagaglio Allianz Global Assistance Assistenza Gruppi (massimale di 8.000 € per persona).
  • Materiale di cortesia (guida*, borsa a tracolla o zaino).

*per le coppie verrà consegnata una guida per due persone.

La quota non comprende
  • Assicurazione contro le penalità di annullamento Globy Giallo (facoltativa): vedi supplementi.
  • Assicurazione sanitaria supplementare sino a € 200,000 (facoltativa): vedi supplementi.
  • Extra personali e tutto quanto non espressamente indicato alla voce “la quota comprende”.
Nota bene:
  1. PER ANDARE IN ISRAELE OCCORRE IL PASSAPORTO CON VALIDITA’ RESIDUA DI 6 MESI DALLA DATA DI RIENTRO. PERTANTO NON È PREVISTO ALCUN RIMBORSO PER CHI SI PRESENTASSE ALLA PARTENZA CON UN DOCUMENTO SCADUTO O NON VALIDO.
  2. A CAUSA DEL FORTISSIMO AFFLUSSO DI TURISTI LE VISITE POTRANNO SUBIRE DELLE VARIAZIONE NELLO SVOLGIMENTO E ALCUNI LUOGHI POTREBBERO NON ESSERE VISITATI.
  3. La visita nei territori Palestinesi dovrà essere sempre riconfermata sul posto dalla guida locale.
  4. La legislazione israeliana prevede la registrazione dei dati del vostro passaporto all’ingresso di ogni albergo/ struttura recettiva
cliccare per aprire

 

Programma in formato PDF